I cosmetici non sono prodotti farmaceutici, bensì sono formulati con ingredienti che contribuiscono a mantenere in equilibrio l’epidermide. In commercio si trovano ottimi prodotti per la skincare viso, ma non si tratta di “rimedi” universali che si adattano o si rivelano efficaci per tutti i tipi di pelle o per tutte le esigenze. È necessario trovare quello che maggiormente si avvicina a soddisfare la cura del viso nel rispetto della propria tipologia di pelle. Non è solo importante il prodotto in sé, ma anche come si applica e quando si applica. Una corretta skincare prevede l’uso e l’esecuzione di 5 step di routine più due una tantum con i rispettivi prodotti. Vediamo quali sono!

Gli step della skincare viso

Quando ci si prende cura della pelle del viso, bisogna ricordare che per ogni passaggio occorre il prodotto relativo che aiuta a svolgere al meglio la routine. Le fasi standard sono 5:

  1. De-maquillage o de-make up che richiede l’uso di un prodotto struccante;
  2. La detersione con un prodotto detergente come anche semplice acqua e sapone;
  3. Tonificazione con l’aiuto di un tonico viso;
  4. Cura del contorno occhi con apposito prodotto (meno aggressivo degli struccanti e tonici per il viso);
  5. Idratazione e nutrizione con le relative creme idratanti o sieri anti-età.

Da svolgere non regolarmente, ma ogni tanto, e per completare la cura del viso ci sono altre due fasi:

  1. L’esfoliazione per rimpolpare e rigenerare le cellule epidermiche;
  2. La maschera viso per idratare a fondo e restituire compattezza ed elasticità alla cute.

La skincare viso step by step

La prima fase è struccarsi. È sempre necessario. Mai andare a letto con il trucco sul viso: oltre a sporcare la biancheria, si fa del male alla pelle che rimane con i pori occlusi e non respira, si impedisce la regolare traspirazione e proliferano i batteri. I prodotti per struccarsi sono molti e dalle diverse consistenze a seconda della propria pelle. La parte oculare e perioculare ha una pelle molto delicata che deve essere trattata con attenzione senza strofinare o irritare l’occhio e con l’impiego di appositi detergenti.

Il secondo step è la detersione che ha il compito di rimuovere, oltre ai residui di trucco, soprattutto il sebo, lo sporco, lo smog, il sudore, le cellule morte, e i batteri. Se dopo aver rimosso il make up non si passa alla detersione profonda, tutte queste sostanze compresi i residui dello struccante resterebbero sul viso provocando irritazione, ispessimento della cute, occlusione dei pori. I prodotti per detergere il viso devono essere rispettosi del PH naturale, da prediligere quelli delicati idonei per tutti i tipi di pelle.

Il terzo passaggio è l’uso del tonico viso che serve per ripristinare il PH naturale e la pellicola idrolipidica dell’epidermide. Il tonico aiuta a rinsaldare le difese naturale, purifica e deterge in profondità, mantenendo la pelle morbida e idratata.

Quarto passaggio è il contorno occhi che come per la detersione necessita di un prodotto adeguato per ripristinare freschezza e togliere ogni senso di stanchezza e pesantezza sulle palpebre. La pelle del contorno occhi è delicata, sensibile e povera di collagene pertanto è facilmente predisposta alla formazione di rughe, occhiaie e borse. Questi inestetismi si possono correggere oltre che con il make up con un corretto prodotto per il de-make up che doni immediata idratazione e stimoli il microcircolo.

Ultima fase della routine è l’idratazione e nutrizione che consiste nell’applicare una crema idratante o un siero o anche un gel che rimpolpa, tonifica, elasticizza e compatta la pelle e soprattutto la nutri in profondità.