Come sturare il lavandino da te: 3 modi diversi

Se l’acqua del lavandino scende molto lentamente nello scarico o addirittura per niente, allora hai un problema di scarico otturato. Per liberare lo scarico, l’idraulico Roma ha tanti metodi diversi che puoi adottare anche tu e i migliori sono quelli elencati di seguito.

  1. Smontare la tubatura

Tra i metodi migliori per liberare lo scarico otturato, prova a smontare la tubatura. Dietro al lavandino ci sono i tubi dello scarico che si possono smontare con la chiave idraulica o anche con le mani se sono fatti in plastica invece che di metallo. Questo lavoro è facile da fare ma se non hai grandi abilità, ti conviene affidarti a un valido idraulico Roma che sa come intervenire. Sistema sempre una bacinella sotto allo scarico per raccogliere eventuale acqua che cade e anche lo sporco incastrato nel tubo che impedisce il normale deflusso.

  1. Usare il classico stura lavandini

Il metodo migliore e più facile per liberare lo scarico del lavandino bloccato è armarti con lo stura lavandini. La ventosa la trovi in tutti i negozi di fai da te ma anche nei grandi supermercati. Sistema la ventosa sull’imbocco dello scarico dopo aver tolto il tappo. Apri l’acqua e lascia che stagni nel lavandino. Blocca con la mano il foro di sicurezza del lavandino e muovi lo stura lavandini su e giù. Questo consente di mandare sotto pressione la tubatura e far risalire lo sporco incastrato. Si dovrebbe sentire chiaramente un caratteristico rumore quando lo sporco va giù e la tubatura si libera.

  1. Un sistema alternativo

Se a casa non hai lo sturalavandini, non ti preoccupare perché puoi ugualmente liberare lo scarico. Prendi del filo di ferro un po’ spesso e crea all’estremità un piccolo uncino. Cala il filo del tubo e cattura lo sporco incastrato nella tubatura muovendo il filo su e giù, a destra e sinistra. Se non hai nemmeno il filo di ferro, allora smonta una stampella di metallo come quelle che ti danno in lavanderia aiutandoti con una pinza.