La cremazione: il rito funebre tra i più scelti oggi

La cremazione è una modalità di sepoltura molto più comune oggi rispetto a un tempo. Non c’è un motivo preciso che spieghi questa tendenza, ma ultimamente è facile che le onoranze funebri Milano organizzino questo tipo di cerimonia funebre piuttosto che quella classica con la sepoltura del cofano funebre.

Vediamo di capire come funziona la cremazione e che cosa ha di diverso dalla classica sepoltura.

Come si svolge il rito

La famiglia che sceglie il rito religioso classico può benissimo optare per la cremazione. Il rito si svolge normalmente con una cassa in legno provvisoria. Alla fine delle cerimonia, però, non ci si sposta sul campo santo per la fase della sepoltura, ma il feretro viene portato via presso la camera ardente.

Ovviamente, le cremazione può essere scelta anche da chi preferisce un rito laico, cioè non religioso. Dopo aver concluso il rito, anche in questo caso la salma è spostata presso la camera ardente dove verrà bruciata.

Dove conservare le ceneri

A differenza di quello che alcuni pensano. Le ceneri di un proprio caro venuto a mancare non possono esser conservate in casa, come si vede in alcuni film americani: da noi in Italia non è possibile.

Inoltre, non si può nemmeno spargere le ceneri in un luogo significativo per la persona che ci ha lasciati. Le ceneri che risultano dopo la cremazione vanno riposte presso il cimitero, il quale spesso ha una sezione apposita dedicata, sia che si tratti di un rito religioso che laico.

Sono presenti delle cellette dove vengono riposte le ceneri appena sono pronte. Chi ha optano per il rito religioso, di solito richiama il parroco e alcuni parenti e amici tra quelli più stretti per benedire un’ultima volta le ceneri.

Le onoranze funebri Milano si preoccupano anche di ordinare la targhetta con nome, cognome, date e foto che viene apposta sulla cella dove riposa il nostro congiunto che se n’è andato. Spesso tocca aspettare un po’ perché arrivi la targhetta e quindi intanto ce ne sarà una provvisoria.