Disturbo ossessivo compulsivo, un disturbo psicologico

Il disturbo ossessivo compulsivo conosciuto anche come DOC, è problema ad esordio precoce, che può insorgere già nella prima infanzia ed accompagnare l’esistenza dell’individuo o comparire in età adulta, nel mondo molte sono le persone che convivono con questo disagio che può interferire con la vita quotidiana.

I suoi pensieri ed il suo comportamento del soggetto, sono il risultato di ossessioni incontrollabili, che si manifestano all’improvviso, contro la sua volontà, caratterizzati da pensieri o immagini mentali avvertite dalla persona come sgradevoli.

Al contrario le compulsioni sono intenzionali, ovvero è la persona stessa che si costringe a compiere azioni ripetitive, per cercar di alleviare il disagio procurato dalle ossessioni.

Esistono diverse forme di questo disturbo che può risultare più o meno grave a seconda dei casi.

Tra le ossessioni più frequenti può esserci la paura di essere contaminati o di infettare altre persone, e ciò costringe a lavarsi ripetutamente le mani, fare ripetute docce o pulire per ore la propria casa.

Alcuni hanno il pensiero continuo che potrebbe accadere qualcosa di brutto, allora ripetono in continuazione, come fossero delle cantilene frasi scaramantiche, pur di ridurre la sensazione negativa che provano.

Il paziente soggetto ad un disturbo ossessivo compulsivo è psicologicamente molto fragile, spesso divorato da dubbi e dalla paura di essere il solo responsabile, per la sua negligenza, di eventi terribili, ad esempio dopo aver chiuso l’uscio di casa, è convinto di non averlo fatto ed immancabilmente torna indietro per accertarsi che lo sia, questi gesti vengono ripetuti anche più volte quasi fossero dei rituali.

O dubita di non aver spento il gas sotto le pentole col rischio di provocare un incendio, pur non vedendo la fiamma istintivamente gira il pomello del gas, ed anche quando è sicuro che è tutto a posto continua ancora a ripetere l’azione, come se non avesse alcuna fiducia dei propri sensi.

Altri hanno impulsi o immagini mentali che riguardano la posizione degli oggetti che devono essere posti secondo un certo ordine, per dimensione o colore, ci son poi coloro che accumulano senza buttar via nulla, anche se si tratta di cose completamente inutili

Le compulsioni tuttavia non bastano ad eliminare le ossessioni che possono aumentare nel tempo, portando la persona ad isolarsi o ad evitare le situazioni che potrebbero trovare un’associazione o scatenare addirittura le ossessioni.

Per ulteriori approfondimenti sul tema, vi consigliamo lo studio di psicologia Pescara, disponibile anche per consulenze e psicoterapia per il trattamento di:

Depressione
Ansia e attacchi di panico
Fobie e ossessioni-compulsioni
Sessuologia
Alterazionidel comportamento alimentare
Disturbi psicosomatici
Autostima e Crescita personale
Problemi relazionali
Disagio dell’Adolescente