Come diventare traduttore: ecco come fare

Vuoi diventare traduttore? In questo post ti offro alcuni consigli che spero possano rivelarsi utili per te qualora tu scelga di intraprendere effettivamente questa professione. Non è perciò una guida che ti spiega passo passo come fare, ma una serie di consigli buoni e che ti aiutano a riflettere su questo lavoro un po’ particolare.

  1. Essere bilingue

Se sei bilingue parti avvantaggiato. Puoi per esempio occuparti di traduzioni sia dall’italiano all’altra lingua che viceversa. Questo perché riesci appunto a parlarle perfettamente e cogli nelle due lingue tutte le sfumature.

Essere bilingue però non è per te l’unica strada possibile. Molti traduttori professionisti sono madre lingua italiano e l’altra o le altre lingue che conoscono le sanno semplicemente perché le hanno studiate e hanno vissuto poi tanti anni all’estero.

Una formazione universitaria orientata verso le lingue straniere è sicuramente importante ma ricordati, non indispensabile.

  1. Non smettere mai di aggiornarti

Per diventare un traduttore freelance non devi mai smettere di aggiornarti. Devi seguire corsi online, leggere nelle lingue dalle quali traduci, confrontarti con  i colleghi e fare networking.

  1. Dall’italiano a… quale lingua?

In realtà un traduttore non dovrebbe tradurre la sua lingua in una che non è la sua. Vale a dire che dovresti tradurre dall’inglese all’italiano, dal francese all’italiano etc. Ma non viceversa. Questo perché non essendo la tua lingua madre non la puoi padroneggiare come un madre lingua. Se sei bilingue sei avvantaggiato. Il condizionale è d’obbligo perché poi di fatto nessuno ti vieta di offrire i servizi dall’italiano verso un’altra lingua.

  1. Freelance o agenzia?

Qui c’è il primo quesito. Cerco lavoro in agenzia o lavoro come freelance? Se per esempio intendi occuparti di traduzioni Milano puoi cercare lavoro in agenzia all’interno di quella grandissima città ricca di opportunità oppure puoi iniziare subito come freelance.

Ti consiglio di partire in agenzia anche se sai già di voler intraprendere la libera professione. Più che altro per una questione di esperienza e gavetta. Hai modo di approcciarti a questo lavoro imparando da chi fa questo lavoro da un po’.

  1. Come farsi pubblicità

Se decidi di partire subito come Freelance o comunque ti trovi adesso a iniziare questo percorso, devi trovare clienti. Sono loro infatti che ti permettono di portare i soldi a casa.

Come freelance puoi lavorare esclusivamente online perciò puoi trovare lavoro su internet. I suggerimenti che ti do sono questi:

  • Apri un blog e dimostra le tue competenze
  • Sii sui social network. Linkedin è il tuo curriculum online ed è infatti utilissimo. Su Facebook puoi entrare in contatto con i potenziali clienti sia proponendoti attraverso una tua pagina, facendoti pubblicità, sia offrendo aiuti e consigli gratuiti alle persone sulla questione traduzioni
  • Su internet trovi anche diverse piattaforme che ti fanno entrare in contatto con i potenziali clienti.
  • C’è poi il passaparola, che è l’arma più potente quando si parla di trovare clienti. Non c’è miglior cliente di quello che ti viene “mandato” da un cliente soddisfatto.